MIBAC - Direzione Regionale per i beni culturali e paesaggistici Lombardia

Lavori pubblici

Responsabile

Dott. Enrico Mancuso

tel. 02 80294 229 fax 02 80294 232 enrico.mancuso@beniculturali.it

INFORMATIVA
In considerazione dell’obbligo legislativo di stipula atti e contratti in forma digitale, si invitano gli operatori economici a munirsi della stessa. 

INFORMATIVA
Si informano gli Operatori Economici che tutte le istanze rivolte all'Amministrazione in materia di lavori pubblici, dirette ad ottenere il rilascio di una autorizzazione, oppure comunciazioni afferenti procedure di gara avviate, devono essere inoltrate attraverso il sistema PEC e firmate digitalmente. In alternativa è ancora possibile utilizzare il sistema cartaceo, trasmettento all'Ammistrazione una lettera di accompagnamento indirizzata all'Ufficio Appalti. 

Consulta l'elenco dei bandi e concorsi

 Funzioni e attività

L'art. 20 del d.P.R. 173/2004 ( Regolamento di organizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali ) ha attribuito alle Direzione regionali la competenza in materia di programmazione annuale e pluriennale dei lavori pubblici e l'esercizio delle funzioni di stazione appaltante degli interventi conservativi da effettuarsi con fondi dello Stato o affidati in gestione alla Stato sui beni culturali presenti nel territorio di competenza.
In tale ambito, opera l'Ufficio gare e appalti della Direzione regionale della Lombardia.
La programmazione
L'Ufficio gare e appalti supporta il Direttore regionale nella formulazione dell'elenco degli interventi da inserire nei programmi annuali e pluriennali e nei relativi piani di spesa, anche sulla base delle indicazioni delle soprintendenze di settore.
Tali proposte sono recepite in decreti ministeriali adottati e approvati a cadenza annuale (programmazione ordinaria) e triennale (programmazione finanziata con i proventi derivanti dal gioco del Lotto).
Le gare
L'Ufficio gare e appalti cura le procedure di gara per l'affidamento dei lavori inseriti in programmazione, ad eccezione di quelli delegati ai soprintendenti di settore (in genere, interventi di manutenzione ordinaria degli uffici e delle sedi museali).
Gli affidamenti dei lavori di importo inferiore ad euro 500.000,00 (cfr. art. 204 del d.lgs. 12 aprile 2006, n. 163 - Codice dei contratti pubblici)sono effettuati mediante esperimento di procedure negoziate, con invito rivolto ad almeno quindici operatori del settore qualificati, individuati su proposta del responsabile del procedimento con criteri di alternanza e rotazione.
I lavori di importo superiore ad euro 500.000,00 sono invece affidati mediante procedure aperte, precedute da forme di pubblicità a livello nazionale ed eventualmente sovranazionale.
L'Ufficio gare e appalti cura altresì le procedure di affidamento dei servizi attinenti l'architettura e l'ingegneria (progettazione, coordinamento della sicurezza, indagini, rilievi, ecc.) nei casi in cui tali attività non siano espletate dagli uffici tecnici delle soprintendenze.

I lavori

L’Ufficio gare e appalti stipula i contratti di appalto e supporta il responsabile del procedimento e l’ufficio di direzione lavori negli adempimenti connessi alla fase di esecuzione dei lavori
I servizi aggiuntivi
Di concerto con il settore valorizzazione, l’Ufficio gare e appalti cura le procedure di evidenza pubblica, di affidamento in concessione a terzi dei servizi di assistenza culturale e di ospitalità per il pubblico negli istituti e nei luoghi di cultura statali in ambito regionale, ai sensi dell’art. 117 del d.lgs. 42/2004 – Codice dei beni culturali e del paesaggio.